Gli americani credono che due terzi delle notizie sui social media siano disinformazione

Etica E Fiducia

Gli americani credono che il 39% delle notizie sui giornali, in TV o alla radio sia disinformazione, ma le loro opinioni sui social media sono anche peggiori. Ritengono che il 65 percento delle notizie sui social media sia inventato o non possa essere verificato come accurato.

Due nuovi rapporti di Gallup e della Knight Foundation pubblicati mercoledì mattina hanno esaminato le opinioni degli americani sulla disinformazione, i pregiudizi e l'inesattezza nelle notizie, sulla base di sondaggi di febbraio e marzo su 1.440 adulti negli Stati Uniti.

I consumatori di notizie credono che le notizie che vedono sui social media siano più parziali e meno accurate delle notizie che consumano su altre piattaforme. I repubblicani sono molto più propensi dei democratici a percepire le notizie provenienti dai media tradizionali come disinformazione.

Alcune note più veloci dai rapporti:

I media pubblici hanno la migliore reputazione. In tutto lo spettro politico, gli americani hanno valutato PBS, Associated Press e NPR come le fonti di notizie meno parziali e più accurate. Gli intervistati hanno anche raramente distinto tra pregiudizi e accuratezza: anche le fonti di notizie percepite come distorte erano generalmente percepite come imprecise e viceversa. L'eccezione principale erano i principali giornali storici come il New York Times e il Washington Post, che erano generalmente classificati come accurati ma di parte.

matrice di fiducia

(tramite Gallup/Knight Foundation)

Il livello di istruzione ha un impatto significativo sulle visualizzazioni delle notizie. Gli adulti con livelli di istruzione più elevati hanno meno probabilità di percepire le notizie come disinformazione. Questo vale per diplomati, laureati e laureati. Gli adulti con livelli di istruzione più bassi sono anche più propensi a pensare che le notizie siano imprecise o di parte.

Le opinioni politiche modellano anche la percezione delle notizie. Gli intervistati repubblicani credevano che ci fossero molti più pregiudizi nelle notizie rispetto ai Democratici (77% contro 44%), ma entrambi vedono un ampio pregiudizio nelle notizie sui social media. I repubblicani erano anche molto più propensi a percepire i media tradizionali come contenenti disinformazione.

visioni politiche

(tramite Gallup/Knight Foundation)

Quando le persone incontrano disinformazione, controllano le loro fonti di notizie. L'83% degli adulti ha affermato di utilizzare le proprie fonti di notizie tipiche quando incontrano ciò che ritengono essere una disinformazione, seguita da ricerche su Internet e siti Web di verifica dei fatti. Gli intervistati repubblicani erano più propensi a consultare la propria famiglia e gli amici e meno propensi a utilizzare siti Web di verifica dei fatti.

Quasi un quarto degli adulti ha affermato di aver condiviso informazioni errate. La maggior parte di loro, tuttavia, ha affermato di aver condiviso una notizia con sospetta disinformazione per richiamare l'attenzione sulla sua imprecisione. Una percentuale molto più piccola ha dichiarato di averlo condiviso per diffondere la storia a un pubblico più ampio.

Il rapporti completi su bias e imprecisione , e viste di disinformazione , sono disponibili sul sito web della Knight Foundation.


Pensi che sia importante insegnare ai giovani come controllare le informazioni online? Scopri di più sull'iniziativa MediaWise di Poynter per adolescenti.