Il giornalista di ESPN scrive del dolore mentre lo affronta lui stesso

Altro

Il giornalista di ESPN Ivan Maisel intervista il quarterback di Stanford Kevin Hogan sul dolore, mentre il giornalista stava soffrendo per la propria perdita. (Screenrab dal video ESPN)

Il giornalista di ESPN Ivan Maisel intervista il quarterback di Stanford Kevin Hogan sul dolore, mentre il giornalista stava soffrendo per la propria perdita. (Screenrab dal video ESPN)

Ivan Maisel aveva scritto molte storie nel corso degli anni su un giocatore o allenatore che tornava in azione dopo aver subito la perdita di una persona cara. Ma questo era diverso.

Il 5 settembre, Maisel pubblicato un pezzo su ESPN.com su Kevin Hogan di Stanford. Il quarterback ha affrontato il dolore dopo la morte del padre lo scorso dicembre.

Maisel scrive nella storia: 'Il calendario non è sempre ciò che ci invecchia. Può essere quello che succede lungo la strada”.

Maisel stava scrivendo di Hogan, ma la frase si applica anche a lui.

La storia è stata una delle prime che Maisel ha fatto dopo essere tornato al lavoro dopo la morte di suo figlio di 21 anni, Max, a febbraio. La storia di Hogan era stata sul radar dei giornalisti di football del college di lunga data dallo scorso inverno prima di quello che è successo con suo figlio.

'Non ho fatto la storia come un esercizio di lutto', ha detto Maisel. 'L'ho fatto perché era una bella storia'.

Maisel ha parlato con la madre di Hogan, Donna, che si è rotta durante un'intervista telefonica. Dopo che hanno riattaccato, era preoccupata di rivelare tali sentimenti privati ​​e ha chiesto a Maisel se poteva vedere la storia prima che fosse pubblicata. Ha rifiutato la richiesta, citando lo standard del giornalista di vecchiaia sul non fornire alle fonti un'anteprima.

Maisel ha risposto con un messaggio: “Ti ho detto che avevo un certo senso della tua perdita, poi mi sono voltato e ti ho detto che mia moglie sta portando il nostro più piccolo a Stanford. No, non sono vedovo. Ma abbiamo perso nostro figlio di 21 anni Max sei mesi fa. Ho imparato che ognuno soffre in modo diverso. Ma non ho esitato a chiederti di Jerry [il defunto marito di Hogan] perché ora ho un'idea di cosa significhi chiedere e rispondere, e non ho paura dell'emozione nelle risposte. Quindi posso prometterti che tratterò quello che hai detto con rispetto”.

Donna Hogan ha inviato un messaggio: “Oh mio Dio, non lo sapevo. Capisci cos'è il dolore'.

Dopo che la storia è andata avanti, Donna ha inviato a Maisel un altro messaggio: 'Sono seduto qui in lacrime. Hai fatto bene a dirmi di fidarmi di te.

'È stato davvero gratificante sentirlo', ha detto Maisel.

Guardando indietro, Maisel sa che l'impatto di ciò che gli è successo ha influenzato il modo in cui ha raccontato la storia. Dice di essere stato in grado di porre domande che 'arrotondavano i bordi'.

'La mia ritrovata sensibilità è stato un dono che sono stato in grado di sradicare la carneficina di ciò che Max ha lasciato', ha detto Maisel. “La chiave per tutti noi è ascoltare le domande prima di farle. Come suonerà alle orecchie del tuo soggetto in modo da poter ottenere le migliori risposte? Mi ci è voluto troppo tempo per capirlo'.

Maisel ammette che non è stato facile per lui tuffarsi nella nuova stagione calcistica del college. Lui e il mondo della sua famiglia furono sconvolti quando ricevettero la notizia che Max, uno studente del terzo anno al Rochester Institute of Technology, era scomparso e presumibilmente annegato nel lago Ontario; il suo corpo è stato trovato due mesi dopo.

A un servizio funebre, Maisel parlato di venire a patti con l'apparente suicidio di Max. Tuttavia, l'elogio commovente riguardava più la celebrazione della vita di suo figlio.

'Non volevamo che fosse definito da come è morto', ha detto Maisel. 'Volevamo che fosse definito da come viveva'.

Maisel ha detto che lui e la sua famiglia sono stati sostenuti dall'immenso sostegno della comunità dei giornalisti sportivi. Ha anche ascoltato numerosi allenatori e amministratori di football del college.

Sei settimane dopo la morte di Max, Maisel ha ricevuto una telefonata dall'allenatore dell'Oklahoma Bob Stoops, che si stava scusando abbondantemente.

“Ivan, non lo sapevo. Mi dispiace così tanto', ha detto Stoops.

A giugno Maisel era nell'ufficio di Mark Helfrich per un'intervista. Mentre le cose stavano finendo, l'allenatore dell'Oregon si rivolse a lui e disse: 'Ho una domanda per te. Come va?'

'Sono caduto a pezzi', ha detto Maisel. “Non me lo aspettavo. Ci siamo seduti lì per altri 20-25 minuti. Ha perso i suoi genitori. Abbiamo parlato di perdita e dolore”.

Il viaggio in Oregon è stato un breve intermezzo durante un lungo periodo lontano dal lavoro per Maisel. Ha detto di aver sentito due volte il presidente di ESPN John Skipper, che ha ripetutamente chiesto: 'Dicci solo di cosa hai bisogno'.

La pausa ha permesso a Maisel 'di concentrarsi sul mio dolore e sulla mia famiglia'. Il passare del tempo sta aiutando, ha detto, in una certa misura.

'Una parte di me non vuole lasciar andare il forte dolore perché è un modo per trattenerlo', ha detto Maisel. 'Ma non è fattibile a lungo termine.'

Alla fine, però, la nuova stagione incombeva e Maisel tornò al lavoro. Sabato scorso, era a Syracuse per la partita LSU-Syracuse prima di dirigersi a Baton Rouge domenica per lavorare su un lungometraggio.

Maisel, originario di Mobile che è stato svezzato in Alabama e Paul 'Bear' Bryant, di solito vive dei tanti impulsi del football universitario. Comprensibilmente, si sente diverso quest'anno.

'Ammetto che è stato difficile concentrarsi sul lavoro e cercare di elaborare il dolore', ha detto Maisel.

Tuttavia, proprio come l'Hogan di Stanford, Maisel continua a spingere. Dice che non vuole che la morte di Max 'sia il motivo per cui non voglio più farlo'.

'È una nuova sfida', ha detto Maisel. “Siamo in un territorio inesplorato. Stiamo solo cercando di fare il meglio che possiamo'.

******

Letture consigliate sul giornalismo sportivo:

Julie DiCaro, giornalista di un'emittente sportiva di Chicago, scrive su SI.com sui vili tweet che ha ricevuto dopo aver fatto commenti sulla situazione di Patrick Kane.

Sports Illustrated Greg Bishop dice Mark Selig a Back Story come ha riportato e organizzato una lunga storia su Aaron Rodgers.

******

Ed Sherman scrive di media sportivi su shermanreport.com . Seguilo @Sherman_Report .