Come lo Houston Chronicle ha trasformato la sua copertura sugli omicidi

Reportistica E Modifica

Inoltre, il data journalism dietro questi testi di Taylor Swift da Tampa Bay

Screenshot, Houston Chronicle

Quasi tutte le redazioni devono occuparsi di omicidi, 'ma accadono in gran numero nelle grandi città', ha affermato Matt Dempsey, editore di dati dello Houston Chronicle. 'Dato che le redazioni sono diventate più piccole, abbiamo ridotto la nostra copertura alle ultime notizie'.

Ma diverse redazioni, tra cui la Los Angeles Times , il Sole di Baltimora e il Posta di Palm Beach hanno iniziato a tirare indietro l'obiettivo per guardare le storie e le persone dietro le ultime notizie e cosa dicono i numeri su ciò che sta accadendo.

Quando il team dei dati e lo staff digitale dello Houston Chronicle si sono uniti, hanno creato a Rapporto di omicidio . Il progetto include i nomi e i dati disponibili sulle vittime di omicidio e le storie su di loro da parte dei familiari.

Questa settimana puoi leggere la potenza dei dati e della storia da Houston e, in un tipo molto diverso di progetto basato sui dati, dal Tampa Bay Times (di proprietà di Poynter).

Correlati: vuoi di più sulle notizie locali? Iscriviti alla nostra newsletter settimanale, Local Edition

A cosa sta lavorando la tua redazione? Condividere il lavoro di cui sei orgoglioso e ti contatterò se decidiamo di presentarlo.

Tutte le risposte condivise qui sono arrivate tramite a modulo Google e le risposte sono state modificate per lunghezza e chiarezza.

'Il nostro obiettivo era prendere qualcosa che avrebbero potuto già fare e aggiungere un livello di dati in modo da poter trovare storie aggiuntive ed elevare la nostra copertura in nuovi modi'. Matt Dempsey, Cronaca di Houston

Sala stampa: Cronaca di Houston

Dimensioni sala stampa: 250

Progetto: Rapporto di omicidio

Come hai realizzato questa storia/serie?

Verso la fine del 2018, il team dei dati di Chronicle era alla ricerca di modi per collaborare con il nostro staff digitale. Il nostro obiettivo era prendere qualcosa che avrebbero potuto già fare e aggiungere un livello di dati in modo da poter trovare storie aggiuntive ed elevare la nostra copertura in nuovi modi.

Uno dei nostri suggerimenti era un rapporto di omicidio. I tempi di Los Angeles era iniziata un anno fa e mi è piaciuto molto il modo in cui prendeva qualcosa che veniva generalmente trattato come una notizia dell'ultima ora e lo rendeva più ponderato e premuroso. Mi è piaciuto anche il modo in cui ha creato dati che potrebbero essere utilizzati per raccontare storie diverse sull'argomento.

L'ho proposto al digitale e loro l'hanno adorato; hanno richiesto un mese di omicidi a febbraio all'ufficio del medico legale locale e l'hanno usato come caso di prova.

Abbiamo concluso che potevamo farlo, ma volevamo assicurarci che fosse sostenibile. Abbiamo finito per richiedere nuovi dati ogni mese, mentre lavoravamo sul sito che li avrebbe ospitati. Dopo circa tre mesi, ci siamo resi conto che avremmo avuto bisogno delle informazioni di contatto dei parenti prossimi per dare corpo alle storie delle vittime al di là delle statistiche.

Nella spinta finale, abbiamo avuto cinque giornalisti che hanno chiamato i familiari di quasi 300 vittime di omicidi fino a luglio del 2019.

Correlati: The Houston Chronicle ha un podcast BBQ, un sito per smarties e grandi progetti per trasformare i lettori in abbonati

Screenshot, Houston Chronicle

Cosa hai imparato dal processo?

La risposta di questo progetto mostra che è importante per la comunità. Le persone sanno intrinsecamente che le vittime di omicidi meritano più di quello che abbiamo dato loro in passato.

Il vantaggio collaterale per qualsiasi redazione che vuole fare qualcosa del genere è che ci sono molte storie di imprese in agguato in quei numeri e nelle storie che sentiamo dai cari delle vittime.

Formazione correlata: Formazione investigativa – Dai numeri alla narrativa

Come possono altre redazioni locali funzionare in questo modo?

Sii realistico riguardo all'impegno di tempo. È necessario disporre di un set di dati su cui poter fare affidamento a cui poter accedere regolarmente e facilmente. Devi impegnarti a contattare la famiglia di ogni vittima, anche sapendo che non riceverai risposta da tutti. Altrimenti, l'intera impresa si sentirà sfruttatrice.

Prepara un piano per le foto. Hai una fonte esterna per le foto? Le nostre foto di backup provengono dal dipartimento di stato che gestisce le patenti di guida. Ma chiediamo anche a ogni famiglia una foto che vorrebbe condividere.

Avere una visione di come gestirai le storie delle vittime, le statistiche sugli omicidi e come troverai le storie nascoste nei dati/storie delle vittime.

Chi ha lavorato su questo?

Jordan Rubio, Stephanie Lamm, Matt Dempsey, Danny Hermosillo, Jay Jordan, Julian Gill, Dana Burke, Jasmine Goldband, Natalie Weber, Natalie Webster

'Niente è più critico per una testata giornalistica dei giornalisti che stanno effettivamente uscendo e parlando con gli altri, conoscendo la comunità e informando il pubblico su argomenti importanti'. Tara McCarty, Tampa Bay Times

Sala stampa: Tempi di Tampa Bay

Dimensioni sala stampa: Circa 150

Progetto: 'Guarda cosa mi ha fatto fare Taylor Swift', e un seguito dopo che 'Lover' è stato rilasciato

Come hai realizzato questo progetto?

Questa storia è nata dal mio strano cervello che voleva vedere qualcosa visualizzato e poiché lavoro in un giornale, mi sono rivolto ai miei colleghi per aiutarmi. Ho lottato per mettere in moto l'analisi per un paio d'anni prima di abbassare finalmente i tempi. Ho contattato sia l'editor di dati/indagini Adam Playford che l'editore di funzionalità Stephanie Hayes per capire il come e il perché. Quando ho contato i testi prima nel software creato per l'analisi dei documenti governativi e poi in un documento Google, il team dei dati ha elaborato alcuni dei numeri attraverso gli script del programma. Da queste informazioni, ho potuto tracciare la frequenza con cui Taylor Swift ha usato determinate parole (come sogno o rosso) nel suo catalogo musicale, inclusi i tempi passati e presenti che usava per analizzare cose come la frequenza con cui sembrava nostalgica. E onestamente, quella era la parte facile. Perché essere onesto con me stesso per arrivare al perché della storia è stato il più difficile. Hayes si è interrogato sul perché questo fosse importante per me e perché potrebbe essere importante che gli altri lo leggano. Alla fine, ho raccontato la mia storia di crescita con Taylor Swift e l'ho abbinata a ciò che i suoi testi dicevano sulle sue stesse esperienze. Come ha sottolineato Lane DeGregory nel suo recente podcast intervista con me, anche se potrebbe non essere stata una notizia incisiva, è servita anche come un'istantanea di come sembrava crescere negli anni 2000. Ho anche lavorato a stretto contatto con il team web e il team social per cercare di infiltrarmi in Internet con il progetto.

Relazionato: Come il Tampa Bay Times ha affrontato una storia complicata con una semplice narrazione (e Lego)

Conoscendo la sua base di fan e dove tende a raggiungerli, sapevo che sarebbe stato importante spingerlo il più possibile per convincerli a leggerlo. Ci vorrebbe solo la persona giusta prima che potesse diffondersi a macchia d'olio. Ho lavorato principalmente al di fuori del mio normale lavoro di designer di pagine per farlo in tempo per il suo concerto a Tampa nel 2018.

Dopo che la storia è stata pubblicata online e stampata, come spiega la storia successiva, Taylor Swift l'ha letta e io l'ho letto invitato ad incontrarla . La cosa divertente è che, nonostante tutti i miei sforzi per portare il progetto online, l'ha letto in stampa quando è arrivata in città.

Un anno dopo, all'uscita di mezzanotte del suo settimo album, Lover, sono rimasto seduto fino alle 4:30 per ascoltare, fare i conti, stabilire connessioni e scrivere una rapida storia di follow-up dei miei appunti. Non ho approfondito così tanto il perché nell'aggiunta più recente a causa della mancanza di tempo. Ma mi sento come se ci fosse una quantità infinita di deduzioni che si possono trarre dai suoi testi. Anche se il progetto è finito, il lavoro non è mai finito.

Illustrazione di Delphine Lee, Special to the Times

Cosa hai imparato dal processo?

Ho imparato molto dal progetto, quasi tutte lezioni per me stesso. Probabilmente la cosa più importante per me è che, mentre questo è stato un progetto appassionato e sono profondamente grato per tutto l'aiuto che ho avuto con esso, niente è più critico per un'organizzazione giornalistica dei giornalisti che escono e parlano con gli altri , conoscere la comunità e informare il pubblico su temi importanti. Mentre stavo correndo verso il traguardo per questo progetto, lo stesso team che mi ha aiutato con i dati stava effettivamente lavorando a una storia sul piombo trovato nelle fontanelle della scuola della contea di Hillsborough. Questo aveva infiniti modi per essere più impattante e più importante per la nostra comunità di qualsiasi cosa stessi scoprendo attraverso un'analisi dei testi. Mi sentivo orribile per aver diviso la loro attenzione a qualsiasi titolo e dopo la pubblicazione ho avuto un ritrovato rispetto per i giornalisti con cui lavoro.

La collaboratrice del Times Tara McCarty è stata invitata a incontrare Taylor Swift prima del Reputation Stadium Tour al Raymond James Stadium il 14 agosto 2018 dopo che Tara ha scritto un articolo che analizzava i testi di Taylor. Per gentile concessione di Premium PR.

Come possono altre redazioni locali funzionare in questo modo?

Se qualcuno nel lavoro X pensa di voler cimentarsi nel lavoro Y, allora penso che tutto ciò che serve sia il giusto tono e il giusto supporto. Anche se ci vogliono diversi anni, il guadagno potrebbe essere enorme. Ciò non significa incontrare Taylor Swift, ma il successo sembra diverso per tutti. Non avrei mai immaginato che l'avrebbe letto davvero. Se avessi rinunciato dopo il primo o il secondo tentativo... Voglio dire, non sai mai quali saranno le tue capacità o opportunità finché non lo proverai. E aiuta avere persone che ti supportano.

Formazione correlata: come coprire le arti su qualsiasi ritmo

Chi ha lavorato su questo?

Tara McCarty, Stephanie Hayes, Adam Playford, Jay Cridlin, Gabrielle Calise, Danese Kenon, Dirk Shadd, James Borchuck, Eve Edelheit, Eli Murray, Brittany Volk, Eli Zhang, Neil Bedi, Becca Guajardo, Paul Alexander e Martin Frobisher.

Kristen Hare copre le notizie locali per Poynter. Può essere contattata via e-mail o su Twitter all'indirizzo @kristenhare.