Se la lobby degli hobby avesse un hobby, susciterebbe polemiche

Interesse umano

'Preferirei creare oggetti che trovo in un cassonetto piuttosto che fare acquisti all'Hobby Lobby', ha dichiarato un utente di Twitter @86Whitemoonlily . “Per sempre finito con Hobby Lobby. Guiderò le 5 miglia extra fino a Michael's. #BoycottHobbyLobby', ha affermato l'utente @africanpride_00.

La piattaforma era in fiamme di odio per il rivenditore di artigianato americano nell'agosto 2022 dopo che una foto del suo annuncio a tutta pagina per il Giorno dell'Indipendenza, pubblicata su diversi giornali negli Stati Uniti, è diventata virale.

L'articolo continua sotto la pubblicità

Twittato da @RandyResist alla fine di agosto, l'annuncio era intitolato 'Una nazione sotto Dio' e includeva il versetto biblico 'Benedetto è la nazione il cui Dio è il signore'.

Ha anche condiviso citazioni dei nostri padri fondatori che insinuano che gli Stati Uniti sono stati costruiti sulle fondamenta del cristianesimo. Ma come il Freedom From Religion Foundation rilevata nel 2018 quando la società ha pubblicato un annuncio simile, Hobby Lobby spesso prende le citazioni fuori contesto e le fraintende a proprio vantaggio.

  Hobby Lobby 4 luglio annuncio Fonte: Twitter / @RandyResist
L'articolo continua sotto la pubblicità

Molti utenti su Twitter hanno espresso la loro delusione nei confronti del rivenditore, poiché ritenevano che il suo annuncio non solo promuovesse il cristianesimo, ma distruggesse indirettamente anche altre religioni.

Il veterano dell'esercito americano David Weissman ha risposto all'annuncio Twitter con quanto segue: 'Vergognati @HobbyLobby. Come ebreo americano che ha prestato servizio nell'esercito degli Stati Uniti e ha prestato giuramento per difendere la Costituzione; trovo che la tua affermazione sull'America dovrebbe essere considerata stupida e incostituzionale dai cristiani'.

Ma questa non è la prima volta che l'azienda provoca scalpore. In effetti, questa è in realtà una delle azioni meno esplosive di Hobby Lobby. Continua a scorrere mentre discutiamo delle controversie passate a Hobby Lobby.

L'articolo continua sotto la pubblicità

Hobby Lobby ha importato illegalmente 5.500 manufatti antichi dall'Iraq per 1,6 milioni di dollari.

Nel 2010, Hobby Lobby ha acquistato migliaia di articoli durante un'asta da rivenditori senza nome con sede negli Emirati Arabi Uniti e in Israele, per PBS .

Tuttavia, gli oggetti che Hobby Lobby ha ricevuto erano reliquie dall'Iraq che erano state etichettate erroneamente come 'piastrelle di ceramica' o 'piastrelle di argilla (campione)' per passare la dogana. Dal 1990 sono state imposte rigide restrizioni all'importazione di merci dall'Iraq negli Stati Uniti, e questo era illegale.

L'articolo continua sotto la pubblicità

Alla fine le forze dell'ordine e dell'immigrazione degli Stati Uniti hanno preso piede e nel 2018 Hobby Lobby ha finito per pagare una multa di $ 3 milioni ed è stata condannata a rispedire tutti i manufatti.

In un dichiarazione , il proprietario e presidente di Hobby Lobby David Green ha osservato che 'l'azienda era nuova nel mondo dell'acquisizione di questi articoli' e 'avrebbe dovuto esercitare una maggiore supervisione e mettere in discussione attentamente il modo in cui venivano gestite le acquisizioni', suggerendo che il contrabbando era il risultato del mancanza di esperienza nelle aste.

L'articolo continua sotto la pubblicità

Tuttavia, molte persone credevano che il rivenditore avesse partecipato a questa vendita fraudolenta intenzionalmente poiché Green aveva un debole per gli oggetti dell'era biblica. Per non parlare del fatto che lui e la sua famiglia possiedono il Museo della Bibbia, che avrebbe potuto facilmente ospitare questi manufatti. Alcune persone hanno ipotizzato che il commerciante senza nome da cui Green ha acquistato gli articoli fosse l'ISIS.

Green ha negato le affermazioni secondo cui i manufatti erano destinati al suo museo. Non è noto se fosse attivamente consapevole di ciò che stava realmente accadendo in questa transazione.

Hobby Lobby ha rifiutato di coprire il controllo delle nascite per i suoi dipendenti e ha vinto la causa in tribunale.

Hobby Lobby ha anche fatto notizia quando ha rifiutato di coprire il controllo delle nascite dei dipendenti a causa delle convinzioni religiose di David Green. Nel 2014 il rivenditore di artigianato ha portato il caso in tribunale, dove è stato ascoltato dalla Corte Suprema.

In Burwell v. Hobby Lobby Stores , la Corte si è pronunciata contro l'accesso al controllo delle nascite con una decisione da 5 a 4, con la maggior parte dei giudici che concordano sul fatto che Hobby Lobby e altre 'società controllate da vicino' potrebbero negare la copertura del controllo delle nascite ai propri dipendenti.

L'articolo continua sotto la pubblicità

Questa è stata la prima volta che la Corte Suprema ha consentito al 'mondo commerciale e redditizio' di negare alle persone l'accesso all'assistenza sanitaria di base come il controllo delle nascite a causa delle credenze religiose. È stata una vittoria rivoluzionaria per il rivenditore, ma un'enorme perdita per le donne.

Ciò che ha fatto impazzire molti consumatori, tuttavia, è stato il fatto che le dipendenti di sesso femminile non potevano avere la copertura del controllo delle nascite, ma i dipendenti di sesso maschile sarebbero comunque in grado di ottenere farmaci per le disfunzioni sessuali sotto l'assicurazione dell'azienda.